IC SAN GIOVANNI BOSCO

Chat di classe, ci sono delle regole. Cosa accade a chi non le rispetta? I docenti potrebbero rischiare il licenziamento. Gli alunni/studenti un’incriminazione penale

“Le chat di classe devono essere usate solo per le emergenze, altrimenti stravolgono completamente il rapporto che ci deve essere con le famiglie. Bisogna regolamentarle”.

 “Le chat tra famiglie e insegnanti e tra insegnanti e studenti stanno dilagando e stanno creando grossi problemi, una sorta di cortocircuito. Si creano situazioni anomale. C’è il genitore che dice ‘perché mio figlio ha preso 7 e non 8?’, oppure ‘perché avete spiegato con due mesi di ritardo la perifrastica passiva?’, e ancora: “perché aveva cambiato posto a mio figlio che prima stava vicino a Stefano e ora è accanto a Piero?’”.

Secondo una rilevazione, il 92,39% degli intervistati ha risposto di essere favorevole all’utilizzo delle chat di classe solo in caso di emergenza.

Quali regole?

A stabilire quali sono le regole per le chat tra insegnanti e alunni sono le scuole stesse, in virtù dell’autonomia attribuita dal D.P.R. n. 275/1999.

Print Friendly, PDF & Email